Notizie.it logo

[Video] - Quando Fare Vaccino al Bambino

i consigli del pediatra

Sebbene non siano totalmente immunizzanti, le vaccinazioni al bambino sono fondamentali, in parte obbligatorie e in parte facoltative. Ecco come funzionano.

In Italia sono previste vaccinazioni obbligatorie e facoltative, ma comunque consigliate, già a partire dalla tenera età. Le vaccinazioni hanno inizio tra il secondo ed il terzo mese di vita del neonato e, solitamente, è la ASL a mandare a casa una comunicazione scritta, indicando luogo e orario dell’appuntamento e riportando quali sono le patologie contro cui il neonato deve essere obbligatoriamente vaccinato.

Leggi anche Durata Febbre Bambini Dopo Vaccino Varicella

Attualmente, le vaccinazioni obbligatorie sono quattro:

  1. Antidifterica;
  2. Antitetanica;
  3. Antipoliomielite;
  4. Antiepatite B.

Di solito, queste prime quattro vaccinazioni vengono somministrate insieme e molto spesso con altre che sono facoltative, ma comunque consigliate: antiemophilus e antipertossica.

Le vaccinazioni facoltative sono comunque consigliate perché importanti per la prevenzione di eventuali malattie.

Leggi anche Possibili Effetti Collaterali Vaccino Parotite

Tra le vaccinazioni facoltative, ma consigliate si ricordano:

  1. Pertosse;
  2. Morbillo;
  3. Parotite;
  4. Rosolia;
  5. Antihaemophilus influenzae di tipo B;
  6. Antipneumococco;
  7. antimeningococco.

In merito alle vaccinazioni facoltative non è mai la famiglia a decidere, perché è sempre e comunque necessario il consulto ed il parere del proprio pediatra di fiducia.

Da un po’ di tempo, nel nostro Paese, a questo proposito si sta anche valutando l’idea di rendere facoltative vaccinazioni che sono obbligatorie, per lo meno in alcune regioni italiane, ma non in tutte.

Resta poi da capire quanto il vaccino sia efficace.

Alcuni vaccini non immunizzano totalmente e, soprattutto a distanza di anni, non è detto che un bambino non contragga una malattia contro cui si è vaccinato, ma è anche vero che se il bimbo è stato vaccinato, sebbene siano passati alcuni anni, i sintomi delle malattia sono lievi ed il rischio di complicazioni molto basso. Ovviamente, questa regola non vale poi per tutte le malattie e tutto dipende dal caso particolare.

Leggi anche Durata Febbre Bambini Dopo Vaccino Morbillo

Il vaccino comporta poi dei danni collaterali, fortunatamente non troppo gravi e tra i più comuni si ricordano: febbre bassa, inappetenza, spossatezza, pianto, irritabilità e sonnolenza. Tuttavia, sono molti i pediatri che consigliano ai genitori le vaccinazioni, poiché i danni collaterali sono ritenuti più accettabili dei danni e le conseguenze della patologia vera e propria.

© Riproduzione riservata
Leggi anche

Loading...